Trasloco: cosa buttare e cosa no

Se hai già affrontato almeno un trascolo nella vita, saprai sicuramente tutta la fatica e l’organizzazione, preventiva e successiva, che ci vuole per farlo nel modo giusto e non ritrovarsi la nuova casa sommersa dagli scatoloni di cui non si conosce minimamente il contenuto.

Prima di cominciare a riempire tutti gli scatoloni, sarebbe meglio riuscire a fare una cernita delle cose di cui puoi davvero fare a meno, così da liberare un po’ di spazio e limitare il numero di scatoloni da riempire. Non sempre però capire cosa si può buttare e cosa no si rivela un’operazione semplice: proprio per questo motivo, in questo articolo voglio aiutarti un po’ a capire quali sono alcuni oggetti di cui credo tu possa fare a meno prima di iniziare il trasloco vero e proprio e quali invece ti consiglio vivamente di custodire.

Premetto che so quanto sia difficile, emotivamente parlando, superare la fase del trascolo e abituarsi alla vita in una nuova casa. All’inizio può sembrare quasi impossibile reggere il confronto, ma con il tempo tutte le ferite si rimarginano e diventerà sempre più facile abituarsi alla nuova vita.

Prima di tutto, devi procedere in modo gerarchico: quali sono le cose che hai in casa e di cui non puoi davvero fare a meno?

  1. Oggetti di valore: Durante un trasloco è facile perdere oggetti che possono essere anche di grande valore. Consiglio: prima di iniziare con gli scatoloni, metti insieme tutte le cose di valore in un’unica scatola o in una borsa che sai porterai con te durante il trasloco.
  2. Fotografie: I ricordi sono un pezzo fondamentale della nostra vita, antichi o recenti che siano. Ogni foto è un ricordo che fa parte di noi, per questo non dovrai dimenticarti di loro in fase di trasloco. Consiglio: Prepara una scatola SOLO per le fotografie e le cornici sparse per casa, in questo modo sarà più facile ritrovarle e sistemarle nella nuova casa.
  3. Scatole e libretti originali di oggetti importanti: Che sia un televisore, una lavatrice o un computer, è importante conservare sempre sia il libretto delle istruzioni, sia la garanzia e la scatola originale dell’oggetto in questione. Se per puro caso durante il trasloco dovesse subire danni (ma anche dopo il trasloco), potrai trovare facilmente tutte le informazioni e le garanzie a riguardo per l’assistenza. Consiglio: cerca di riunire tutti gli scatoloni e i libretti in un unico scatolone, così potrai evitare di perdere alcuni documenti importanti e quando ti serviranno saprai che sono tutti nello stesso posto. Potrai anche decidere di lasciare lo scatolone intatto e sistemarlo in un secondo momento, quando tutti i mobili e l’arredamento sarà sistemato definitivamente.

Un ultimo consiglio: dal momento in cui sarai sommerso di scatoloni tutti uguali, pieni di oggetti e anche parecchio pesanti, ricorda di scrivere all’esterno della scatola la categoria di oggetti a cui appartiene il contenuto. In questo modo sarà molto più facile gestire il trasloco e sistemare poi gli scatoloni nella casa nuova, riducendo notevolmente il tempo che impiegherai per suddividere e sistemare poi tutto il contenuto.

E ricorda, se hai bisogno di noleggiare un furgone per il trasloco, ci sono delle società come Van4you con sede a Modena, Monza-Brianza, Brescia, e tantissime altre in tutta Italia, con possibilità di noleggio anche solo nel fine settimana.

Be the first to comment on "Trasloco: cosa buttare e cosa no"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*